Fumare tabacco fa meno male rispetto alle sigarette tradizionali

Sono sempre più numerosi gli italiani che passano dalla sigaretta tradizionale al tabacco da rollare, secondo l’Istituto superiore di sanità infatti c’è stato un aumento dal 9,6% al 18% in un solo anno dal 2013 al 2014.

A sostenere la crescita sono soprattutto i giovani, ma ci sono anche molti adulti che sono passati al tabacco.

I motivi dietro questa scelta sono diversi, i costi sono minori, la sigaretta dura più a lungo, c’è chi ama farsi la propria sigaretta e pensa che fumare tabacco faccia meno male rispetto alle classiche sigarette.

E’ vero che il tabacco fa meno male o è pura leggenda metropolitana?

Ci sono diverse opinioni al riguardo: alcuni  sono convinti che il tabacco rollato sia di qualità superiore rispetto a quello contenuto nelle sigarette tradizionali e che contenga meno additivi.

La tesi è sostenuta anche dal fatto reale che alcuni tabacchi da rollo sono privi di additivi e infatti basano tutta la loro strategia di marketing sotto questo aspetto.

Secondo altri, invece, il tabacco da rollare è comunque sottoposto a tutti quei procedimenti industriali per rendere il tabacco sfuso pronto all’uso.

Qual è la verità?

E’ vero che il tabacco da rollo è superiore del tabacco delle sigarette?

Questa non è una domanda facile a cui rispondere.

Tutti sono invece d’accordo sulla qualità superiore delle cartine rispetto alla carta delle sigarette. Diverse ricerche hanno infatti evidenziato le numerose sostanze contenute nella colla e nella carta utilizzata per le sigarette tradizionali.

I vantaggi di usare il tabacco da rollo è anche la possibilità di scegliere il tipo di cartina da utilizzare, alcune ad esempio sono di pura cellulosa, con specifici accorgimenti è inoltre possibile rollare la sigaretta artigianale eliminando la colla.

Un’osservazione diretta che puoi fare sulla qualità delle cartine è il grado di combustione della stessa, la sigaretta artigianale infatti si spegne quando non la fumi a differenza della sigaretta tradizionale che continua a bruciare.

Stesso discorso per i filtri, alcuni di questi in commercio sono prodotti con sostanze naturali come il cotone che sono nettamente migliori rispetto a quelli classici in acetato di cellulosa.

Quindi, possiamo dire che fumare tabacco è meno dannoso rispetto alla sigaretta tradizionale per via della diversa qualità di cartine e filtri, questo è infatti facilmente documentabile, ma possiamo estendere le stesse conclusioni per la qualità del tabacco?

E’ vero che il tabacco fa meno male?

fumare tabacco fa meno malePartiamo da una premessa, nonostante le osservazioni sulla qualità di cartine e filtri, devi sapere che fumare tabacco da rollo è pressoché identico di fumare sigarette.

Le sostanze tossiche e cancerogene quali benzene, idrocarburi, monossido di carbonio, metalli pesanti sono prodotti della combustione del tabacco in generale e quindi sempre presenti.

Il solo modo per evitare gli effetti dannosi del fumo è quello di smettere di fumare.

Considerando inoltre che la risposta biologica al fumo varia da individuo ad individuo, se cerchi la risposta definitiva alla domanda se fumare tabacco fa meno male rispetto alla sigaretta, allora ti rispondo NO, NON FA MENO MALE.

C’è sempre il nonno del cugino di un amico che ha fumato per 60 anni 40 sigarette al giorno ed è morto a 90 anni in serenità, ma ci sono invece anche tanti milioni di giovani che invece si sono visti sfuggire la vita da sotto le mani per colpa delle sigarette.

Il fumo contiene sostanze cancerogene note che inducono le mutazioni del DNA.

Le mutazioni creano delle cellule mutate, la maggior parte vengono individuate e distrutte dal sistema immunitario, altre invece sfuggono al controllo e generano le patologie tumorali.

Fumare è come giocare alla roulette russa, non è detto che ti becchi il proiettile, ma non è detto nemmeno che non lo becchi.

I Vantaggi e svantaggi di fumare tabacco

Chiarito il concetto che la sola cosa che non fa male è respirare aria pulita (ed in città è impossibile pure quello) fumare tabacco in alcuni soggetti è utile perché riduce il numero di sigarette fumate.

La sigaretta normale si compra e si fuma in pochi minuti, mentre l’altra la devi rollare, se non aspiri si spegne e così via.

Molti fumatori passando al tabacco hanno infatti ridotto il numero proprio per la mancanza di tempo di farsi la sigaretta e quindi hanno procrastinato.

Ma poi c’è il rischio di sbagliare quantità di tabacco e metterne troppo finendo per fumare molte più sostanze tossiche in una singola sigaretta.

Probabilmente il solo e unico vantaggio di fumare tabacco sono i costi economici. 

Un pacco di tabacco da rollo costa circa 5 euro, prezzo simile ad un pacchetto di sigarette, ma con il risultato di produrre almeno il doppio di sigarette.

Fumare tabacco fa male: considerazioni finali

La sola conclusione che posso trarre è che la sola soluzione per evitare problemi è quello di smettere di fumare sempre e comunque.

Lo so, è difficile, io sono un ex fumatore con decine di ricadute alle spalle, so cosa significa fumare e smettere, ricominciare e smettere, fumare tanto, fumare poco, le ho vissute tutte le fasi del fumatore e del non fumatore, e poi del fumatore ricaduto e così via.

So cosa significa questa merda, fumare fa schifo, accorcia la vita, peggiora la qualità della vita, ma siamo-eravamo dei tossicodipendenti caduti nella trappola, per colpe forse non nostre ci siamo ritrovati dentro un vortice fuori dal nostro controllo.

Ma ora è diverso, abbiamo capito la trappola del fumo, non ci resta che uscirne fuori una volta per tutte.

Alessandro

 

3 Comments

  1. Antonina Luglio 28, 2017
    • fabio Febbraio 8, 2018
  2. Anonimo Dicembre 27, 2019

Dimmi quello che pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.