Quali sono le sigarette che fanno meno male: la classifica

Quali sigarette fanno meno male?

Quale marca di sigarette fa più male?

Le sigarette leggere sono meno nocive?

Meglio fumare il tabacco da rollo?

Queste e tante altre domande assillano la mente del fumatore incastrato nella trappola del fumo. Anni di pubblicità occulta e tecniche di marketing invasive hanno creato il clima perfetto per le aziende di tabacco per far breccia sulla mente dei fumatori.

Sigarette light, sigarette leggere, colori che richiamano la tranquillità, immagini di paesaggi naturali, tutte strategie per ingannare il consumatore e portarlo dritto dritto verso una delle dipendenze più pericolose e dannose per l’uomo.

Fumare è infatti la prima causa di morte evitabile, gli effetti sulla salute sono noti e drammatici, tuttavia milioni di persone in tutto il mondo continuano a fumare.

Se è facile capire come questo possa accadere nei paesi più poveri dove la mancanza di informazioni e regole lasciano libero spazio alle multinazionali del tabacco, nei paesi occidentali le informazioni al riguardo sono ormai chiare e supportate da decenni di ricerca medica scientifica.

Le sigarette che fanno meno male sono le sigarette che non fumi!!!

Probabilmente la risposta non sarà di tuo gradimento, ma dire la verità è un atto d’amore, specialmente quando c’è in gioco la nostra stessa vita.

Perché non esistono sigarette che fanno meno male?

sigarette che fanno meno maleTermini come leggere o light usati dalle multinazionali del tabacco per sponsorizzare le sigarette a minor contenuto di nicotina e catrame possono ingannare la mente del fumatore facendogli credere che questo tipo di sigarette siano meno dannose.

La verità è che tutte le sigarette sono tossiche e dannose perché tutte contengono più di 4000 sostanze, di cui 400 tossiche e 40 cancerogene certe.

Sostanze quali monossido di carbonio, benzopirene, benzene, cadmio, polonio 210, ammine aromatiche, acetaldeide, sono sostanze che si liberano dalla combustione parziale del tabacco e anche in piccole quantità sono pericolose per l’uomo.

Anche fumare una sola sigaretta light al giorno aumenta del 64% il rischio di contrarre il cancro rispetto ad un fumatore.

Decenni di ricerche parlano chiaro, fumare fa male sempre e comunque e le risposte variano da individuo ad individuo.

Il cancro è provocato da modificazioni del DNA che possono avvenire casualmente oppure indotte dalle sostanze cancerogene appunto.

Ci sono individui che possono fumare una vita e non avere conseguenze, altre non fumare mai e ammalarsi giovani, la complessità biologica dell’essere umano è ancora lontana dall’essere scoperta, rimane la certezza che il fumo è un mix di sostanze tossiche che provocano mutazioni del DNA che possono portare a malattie mortali.

Ecco perché dobbiamo attenerci al principio di precauzione e non fumare, considerando inoltre che ogni giorno il nostro organismo entra in contatto con altre fonti inquinanti quali smog cittadino e fumi industriali.

La sola scelta che ti rimane è quella di smettere di fumare definitivamente.

Le sigarette leggere sono addirittura più pericolose

Alcune ricerche hanno dimostrato che le sigarette leggere sono più dannose rispetto alle sigarette tradizionali perché incentivano il fumatore a fumare di più aspirando profondamente.

Il fumatore che prova a smettere pensa erroneamente che ridurre il contenuto di nicotina e catrame lo posso aiutare nell’intento.

Il sapore leggero e il contenuto inferiore di nicotina porta il fumatore ad aumentare il numero di sigarette e aspirare a pieni polmoni per riprovare la sensazione provata con le sigarette normali.

Aspirare più a fondo fa sì che le sostanze tossiche raggiungono le parti più profonde dei polmoni dove generalmente insorgono patologie gravissime come il tumore ai polmoni.

Il fumatore può cambiare marca di sigaretta e ridurre il contenuto di nicotina solo se seriamente intenzionato a smettere e vuole iniziare riducendo il livello di nicotina ma lasciando inalterato il numero.

Se pensi ti possa aiutare fallo, ma non passare alla sigarette leggere per poi raddoppiare il numero per soddisfare il tuo desiderio.

Se vuoi smettere realmente, prendi in considerazione i tanti metodi consigliati sul blog devo smettere.

Se vuoi smettere di fumare e non sai da dove partire, clicca qui e leggi la mia guida FUMO ZERO dove spiego nei dettagli cosa devi fare per abbandonare lo stupido vizio del fumo.

Sigarette che fanno meno male: considerazioni finali

Le sole sigarette che non fanno male sono quelle che rimangono nel pacchetto e non accendi.

Non farti abbindolare dalle capacità comunicative di marketing delle multinazionali del tabacco, fumare è sbagliato e non ti aiuta in nulla.

Liberarsi dal vizio non è difficile, serve solo determinazione e applicazione dei giusti mezzi, milioni di persone ogni anno riescono a smettere vivendo una vita felice e appagante.

Loro sono come te, non sono alieni dalle capacità misteriose.

Il fumo ti uccide e lo sai, smetti ora e una volta per tutte, le sigarette non danno, le sigarette tolgono solamente.

Alessandro

Se vuoi smettere di fumare e non sai da dove partire, clicca qui e leggi la mia guida FUMO ZERO dove spiego nei dettagli cosa devi fare per abbandonare lo stupido vizio del fumo.

Quali sono le sigarette che fanno meno male: la classifica
5 (100%) 3 votes

Dimmi quello che pensi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *